• Partecipa anche tu segnalandoci un evento a basso costo
  • feed rss di romacheap.it
  • Unisciti a Romacheap su FaceBook

Dai il tuo parere!
Trovi che questa segnalazione sia interessante o utile? Che sia in linea con lo spirito di RomaCheap? Oppure pensi che sia un abuso o troppo poco "cheap"?
Cliccando sulle due icone qui in basso puoi dare il tuo giudizio su questa segnalazione e così aiutare anche gli altri utenti ad orientarsi sulle diverse offerte.

Non mi piaceMi piace

Il giudizio degli utenti!
Questa segnalazione piace a 0 persone e non piace a 0 persone

Inside a moment

dal 14 Gennaio 2011 al 22 Gennaio 2011 - Segnalato da Spazio espoitivo Oxygene
|

info:
Spazio Espositivo Oxygene_Via San Tommaso D' Aquino,11/A (M Cipro)info:0699709442 spazioxygene@gmail.com
Opening:
Venerdì 14 gennaio ore 19 con aperitivo
Sarà possibile visitare la mostra fino al 22.01 dalle 15:30 alle 19:30.

Inside a moment INSIDE A MOMENT_Domenico Canino Sound Installation

La possibità che il momento si possa fermare, aprire e sviscerarne il contenuto per attraversare il vissuto con più consapevolezza, è il tema centrale delle opere.

Le quattro composizioni sonore e visive, esposte nello spazio, ci accolgono in un rituale e ci invitano ad attraversare il momento partendo da una percezione auditiva.

L’orecchio è l’organo sensoriale sempre attivo, il primo ad instaurarsi nel feto e a fornirci informazioni dal mondo esterno, il suono è il nostro primo contatto con l’esistenza, la nostra prima esperienza percettiva, quel processo cognitivo che include il vissuto, le esperienze personali dell’ascoltatore e le influenze culturali che trasformano le sensazioni in percezioni consapevoli.

Inside a moment è il tentativo di far percepire la sacralità di ogni singolo momento attraverso il suono, come in Ten differents moments dove il tempo viene scandito, dilatato, rallentato, armonizzato e proposto al pubblico come attimo vissuto.

La distinzione tra l’ordine che sta nella sostanza della natura e il caos che l’uomo invece ne percepisce, è uno degli aspetti analizzati in Pieces from the sacred tree, serie di installazioni visivo/sonore che ha come base d’indagine tronchi e rami giacenti sulla terra.

I reperti trovati vengono sezionati ed esposti insieme all’ordinata sequenza di suoni ricavati dalla materia stessa.

Blue line in the space ci propone l’ascolto del nostro movimento nello spazio, del nostro “esserci”, attraverso una composizione strutturata con tutto ciò che circola intorno all’ascoltatore, i suoni che vivono lo spazio si mischiano, si uniscono e si rigenerano inun unico corpo sonoro.

Il concetto di unione lo ritroviamo in Il mio segno, il segno della terra dove il segno circolare tracciato sulla tela, viene sottoposto ad un estremo contatto con il suolo e con i fenomeni atmosferici per circa trenta giorni.

Il risultato dell’operazione è l’unione dei due segni umano/naturale che vanno acomporre l’opera, dove ciò che vediamo, è la visione di un energia unica, una fusione eterna, un valore universale che collega l’uomo alla natura in eterno, è la visione non tanto di un futuro ideale, ma di un presente che accompagna l’uomo giorno dopo giorno, respiro dopo respiro, momento dopo momento.

RomaCheap su Facebook - Unisciti a noi
  • Voli low cost da Roma
  • Sconti e convenzioni
  • Mercatini vintage
  • home exchange e couch surfing
  • Film nelle sale
  • Piste ciclabili
  • Muri liberi e personali