• Partecipa anche tu segnalandoci un evento a basso costo
  • feed rss di romacheap.it
  • Unisciti a Romacheap su FaceBook

Dai il tuo parere!
Trovi che questa segnalazione sia interessante o utile? Che sia in linea con lo spirito di RomaCheap? Oppure pensi che sia un abuso o troppo poco "cheap"?
Cliccando sulle due icone qui in basso puoi dare il tuo giudizio su questa segnalazione e così aiutare anche gli altri utenti ad orientarsi sulle diverse offerte.

Non mi piaceMi piace

Il giudizio degli utenti!
Questa segnalazione piace a 0 persone e non piace a 0 persone

Sandro Joyeux Live

il 01 Ottobre 2010 - Segnalato da juls
|

info:
Angelo Mai, Via delle terme di caracalla 55, primo ottobre, ore 22:00, ing 5 euro

Il 31 Gennaio 2009 a Lille in Francia, Sandro Joyeux, artista di origine franco-italiana, accompagnato dal suo gruppo “100 Dromadaires”, apre il concerto del pianista cubano Omar Sosa. Sei mesi dopo per la “Fête de la Musique” sempre a Lille, i 100 dromedari fanno da spalla a Seun Kuti e Egypt 80 (formazione storica di Fela Kuti).

Il 28 ottobre 2009 Sandro arriva a Roma invitato da un amico per tre serate in tre club romani; 18 giorni dopo, alla sua partenza, ha collezionato 15 date consecutive in diversi club della capitale, grazie alla sua capacità di coinvolgere la gente, fino a farla ballare e cantare .

Sandro ha una tecnica chitarristica tutta sua, utilizza la cassa armonica della sua chitarra come grancassa e rullante, intreccia arpeggi dal sapore africano a ritmiche sincopate. Introduce le sue canzoni spiegandone in modo suggestivo la provenienza, il significato, la storia, anche attraverso brevi racconti dei suoi viaggi e dei suoi tanti incontri. Le sue canzoni parlano di città lontane, Dakar, Kinshasa, Kartoum, raccontano storie di villaggi, di bambini soldato, di fiumi e di foreste in pericolo, trascinano il pubblico in un vero e proprio viaggio attraverso la musica le lingue e i dialetti di Algeria, Marocco, Mali, Senegal, Costa d’Avorio, Congo, Madagascar, Francia, Italia e Giamaica.

Numerose richieste lo spingono a tornare a Roma. Dopo appena un mese, Sandro tiene altri 12 concerti in 2 settimane, chiudendo questo tour sorprendente con l’invito ad esibirsi all’Angelo Mai, una delle più importanti realtà culturali e musicali della capitale: il 9 gennaio 2010 Sandro suona davanti a un pubblico di 700 persone radunate senza nessuna forma di promozione se non il passaparola. Tra aprile e maggio dello stesso anno, Sandro torna in Italia accompagnato dai 100 Dromadaires e si esibisce ancora all'Angelo Mai, alla Festa della Liberazione al Pigneto (Roma) e alla festa per i 19 anni di Officina 99 a Napoli. In estate arriva anche la partecipazione a Roma incontra il mondo (Villa Ada, 11 Luglio), e al festival reggae Gusto dopa al Sole (Lecce, 13 Agosto) e l’invito come ospite alla finalissima di Marte Live 2010 all’Alpheus (Roma, 11 Settembre).

In questi concerti lo hanno spesso accompagnato dal vivo tanti amici incontrati lungo il cammino: Baba Sissoko, Emanuele Brignola (bassista di Tiromancino, Daniele Silverstri, Alex Britti, Cristina Donà), Pape Kanoute, griot senegalese sassofonista dell’Orchestra Nazionale del Senegal, Piero Monterisi (batterista di Daniele Silvestri, Cristina Donà, PFM) Adriano Bono (Radici nel Cemento) Antonio Ragosta (chitarrista di Mandè, Contrada Casiello) la cantante Ilaria Graziano

Il suo essere un “one man band” e la sua devozione per l’autostop gli hanno permesso negli anni di suonare in diverse parti del mondo, da Brooklyn a Bamako, nelle situazioni più disparate incontrando musicisti e maestri con cui ha arricchito il suo stile musicale. La sua ispirazione fortemente votata al racconto di un mondo che migra e si trasforma, ne rende il messaggio quanto mai importante ed attuale.

Guests: Emanuele Brignola (basso), Antonio Ragosta (chitarra), Piero Monterisi e Fabio Ronadnini (batteria) Andrea Pesce (Tastiere), Ilaria Graziano (voce), Vincenzo Mazza (Cora, percussioni)

RomaCheap su Facebook - Unisciti a noi
  • Voli low cost da Roma
  • Sconti e convenzioni
  • Mercatini vintage
  • home exchange e couch surfing
  • Film nelle sale
  • Piste ciclabili
  • Muri liberi e personali