• Partecipa anche tu segnalandoci un evento a basso costo
  • feed rss di romacheap.it
  • Unisciti a Romacheap su FaceBook

Dai il tuo parere!
Trovi che questa segnalazione sia interessante o utile? Che sia in linea con lo spirito di RomaCheap? Oppure pensi che sia un abuso o troppo poco "cheap"?
Cliccando sulle due icone qui in basso puoi dare il tuo giudizio su questa segnalazione e così aiutare anche gli altri utenti ad orientarsi sulle diverse offerte.

Non mi piaceMi piace

Il giudizio degli utenti!
Questa segnalazione piace a 0 persone e non piace a 0 persone

LU

dal 10 Maggio 2010 al 21 Maggio 2010 - Segnalato da Cristina Madini
|

info:
RossoCinabro
Via Raffaele Cadorna, 28
00187 Roma
tel: 06-60658125

da lunedì a venerdì 12-19

ingresso libero

Come raggiungerci
Metro A e B (Termini)
Autobus:
Fermata Via Piave 38,86,92,217,360, M
Fermata Via XX Settembre 16,30,36,60,61,62,84,90,492
Fermata Piazza Fiume 120,490,491,495

È nota la contrapposizione tra la pittura simbolica o photographia, dal greco scrivere con la luce e la pittura d'ombra o skiagraphia, ovvero disegno d’ombra.
Tecnicamente parlando e con riferimento alla skiagraphia, la pittura alla quale siamo più abituati, dipingere un corpo significa sempre partire da un suo "doppio", un velo di colore scuro trasparente che ne delimita i contorni e ne fissa, al contempo, il primo abbozzo dei volumi. La luce si rivela e rivela i corpi solo grazie all'ombra che la delimita, la attenua, la esalta. Evochiamo gli antichi miti sull'origine della pittura come "ombra" e "traccia", come quello narrato da Plinio il Vecchio nella sua Naturalis Historia secondo il quale una ragazza di Corinto, "presa d'amore per un giovane, e dovendo questi partire, alla luce di una lanterna fissò con delle linee il contorno dell'ombra del viso di lui sulla parete". Da allora i concetti di ombra e luce hanno accompagnato il percorso della pittura sia come strumenti per riprodurre fedelmente il reale sia come elementi simbolici dalla rilevanza sempre maggiore.
In realtà la rappresentazione delle luci e delle ombre è per sua natura assai complessa, e i metodi messi in atto dai pittori per rappresentare luce, ombre, riflessi, variano continuamente nella storia della pittura.
Il rapporto tra ombra, luce e oggetti genera la nostra visione della realtà e da sempre i pittori hanno dovuto confrontarsi con esso.
In esposizione opere di: Lisbeth dal Pozzo d’Annone, Gianpiero De Gruttola, Daniel Lifschitz, Cristina Madini, Claudio Missagia

A cura di Cristina Madini

You notice the contrast between the painting symbolic or Photographie, from the greek writing with light and shadow or skiagraphia painting or drawing of shadow.
Technically speaking, with reference to skiagraphia, painting on which we are accustomed to, depict a body is always from one of his "double," a veil of dark transparent color which defines the boundaries and sets, while the first draft volumes. The light reveals itself and reveals the bodies only through the shadow boundary, the damping, the exalted. Evoke the ancient myths about the origin of painting as a "shadow" and "track", as that narrated by Pliny the Elder in his Naturalis Historia whereby a girl of Corinth, "made with love for a young man, and having to leave these the light of a lantern fixed lines with the contour of the shadow of his face on the wall. " Since then the concepts of shadow and light accompanied the path of painting and as a means to faithfully reproduce the real and symbolic elements as the increasingly important.
In fact the representation of light and shadows is by nature very complex, and the methods implemented by the painters to represent light, shadows, reflections, vary continuously in the history of painting.
The relationship between shadow and light objects generates our vision of reality and painters have always had to deal with it.
On display works: Lisbeth dal Pozzo d’Annone, Gianpiero De Gruttola, Daniel Lifschitz, Cristina Madini, Claudio Missagia

Edited by Cristina Madini

RomaCheap su Facebook - Unisciti a noi
  • Voli low cost da Roma
  • Sconti e convenzioni
  • Mercatini vintage
  • home exchange e couch surfing
  • Film nelle sale
  • Piste ciclabili
  • Muri liberi e personali