• Partecipa anche tu segnalandoci un evento a basso costo
  • feed rss di romacheap.it
  • Unisciti a Romacheap su FaceBook

Dai il tuo parere!
Trovi che questa segnalazione sia interessante o utile? Che sia in linea con lo spirito di RomaCheap? Oppure pensi che sia un abuso o troppo poco "cheap"?
Cliccando sulle due icone qui in basso puoi dare il tuo giudizio su questa segnalazione e così aiutare anche gli altri utenti ad orientarsi sulle diverse offerte.

Non mi piaceMi piace

Il giudizio degli utenti!
Questa segnalazione piace a 0 persone e non piace a 0 persone

INCONTRI RAVVICINATI

dal 11 Settembre 2009 al 30 Ottobre 2009 - Segnalato da Valentina
|

info:
IL SOLE ARTE CONTEMPORANEA
via Nomentana 169, 00161 Roma
giovedì e venerdì 15:30/19:30
sabato 10/14 – 15:30/19:30
tel. 06 4404940 – 06 44251315
info@galleriailsole.it
http://www.galleriailsole.it

Inaugurazione 11 settembre
ingresso libero

INCONTRI RAVVICINATI IL SOLE ARTE CONTEMPORANEA presenta incontri ravvicinati
7 appuntamenti con gli artisti della galleria Il Sole ogni venerdì pomeriggio dalle 17:30 alle 19: 30

Ernesto Morales/Oriana Ubaldi
Riccardo Pocci/Gian Paolo Rabito
Biagio Castilletti/Andrea Marcoccia
Luca Bellandi/Emanuela Lena
Alessia Nardi/Stefano Pilato
Silvio Costabile/Alessandro Reggioli
Antonio Iemmolo/Lorenzo Nardelli

Il Sole Arte Contemporanea apre la stagione espositiva organizzando tutti i venerdì pomeriggio un confronto tra alcuni dei propri artisti. Sette doppi appuntamenti ravvicinati nel tempo e nello spazio della galleria che offriranno opportunità di confronto per le diverse ricerche artistiche, su formati e tecniche differenti.

I primi tre appuntamenti della rassegna incontri ravvicinati esplorano la tematica urbana. Se gli attraversamenti pittorici di Oriana Ubaldi propongono visioni simultanee in movimento, in cui umanità si incrociano sull’asfalto di piazze e di viali descrivendo i luoghi storici ed esistenziali della nuova vita collettiva, le città di Ernesto Morales riflettono il tema dell’esilio e del distacco attraverso silenziose architetture svuotate di ogni umanità e avvolte nella nebbia.

Mosaici metropolitani contemporanei rivivono con accenti diversi nelle opere di Riccardo Pocci e Gian Paolo Rabito. Il Primo riscrive lo spazio urbano per estendere la percezione del nostro sguardo su frazioni di palazzi scomposti e ricostruiti in un reticolo dove ogni elemento è un segno distintivo trattato autonomamente. Il secondo isola frammenti urbani e porzioni di interni, restituiti con esattezza fotografica, per riscoprire una nuova idea di spazio sospeso e metafisico in cui l’acquisizione del dato reale è infine trascesa.

Le città di Biagio Castilletti, rappresentate con la nitidezza di una fotografia ritoccata o di una incisione, ad una visione più ravvicinata mostrano ampie campiture di grigio su cui l’artista scrive con un sottile pennello intinto nel bianco file di parole illeggibili per restituire particolari architettonici, strade e palazzi. Le opere di Andrea Marcoccia raccontano fermenti e pulsioni, luci e colori di molteplici realtà urbane italiane. L’eredità del vedutismo si combina al linguaggio fotografico e cinematografico, dando vita a scorci e prospettive vertiginose.

I lavori di Luca Bellandi ed Emanuela Lena, così distanti sul piano formale, rivelano indecifrabili affinità, tese a far emergere dalla memoria del quotidiano, in cui si disperdono i simulacri della nostra esistenza, segnali che attengono al non visibile. Con stile gocciolante Bellandi traccia sulla tela frammenti irripetibili, impressioni sensibili che aprono varchi verso mondi lontani e fluttuanti. Le opere bianche di E. Lena, attraverso il gesto archetipico dell’annodare e del torcere lenzuola, danno voce a memorie sedimentate nell’ inconscio collettivo, costituendo lo svelamento e il nascondimento di un pensiero sul mondo che l’artista vuole condividere.

Alessia Nardi desume dal repertorio visivo anni sessanta le immagini-oggetto al centro della sua ricerca. L’artista gioca con il collage con umorismo e irriverenza, creando bizzarri accostamenti tra immagini e parole. Una passione per la carta stampata, da cui seleziona e ritaglia gli sfondi-collage su cui dipinge tutto il bagaglio stilistico ereditato dalla Pop Art. Stefano Pilato gioca con i materiali extra artistici, setaccia e recupera oggetti di scarto - resti di motore, forchette, tubi, lamiere, antenne - con cui inventa universi fantastici popolati da pesci colorati sbilenchi, cervi strabici e pachidermi curiosi.

Silvio Costabile e Alessandro Reggioli esporranno in galleria opere su carta. I quadri marini del primo, dipinti ad acquarello con pennellate fluide e leggere, rappresentano luoghi ideali in cui perdersi, immersi nella quiete di orizzonti azzurri o persi nelle acque agitate di un mare in burrasca. Nei lavori di Alessandro Reggioli, il sapore informale del gesto pittorico con i suoi non finiti e le sue colature, supera la visione mimetica della realtà per entrare nel territorio dell’immaginazione da cui paesaggi e architetture affiorano come vicende remote e perse nel tempo.

L’opera di Antonio Iemmolo è contrassegnata dall’attenzione verso i materiali e la tecnica: la fisicità potente del ferro e l’ancestrale purezza della sabbia dialogano con la pittura. La lastra di ferro trattato e arrugginito diventa il supporto fisico su cui l’artista interviene per dare voce al suo immaginario figurativo di rovine industriali, vecchie stazioni ferroviarie, relitti navali. Anche Lorenzo Nardelli propone una pittura materica dove il medium tradizionale si arricchisce di garze, carta, bitume, cenere, che apre su orizzonti immaginari in cui il mondo naturale viene condensato e trasceso.

RomaCheap su Facebook - Unisciti a noi
  • Voli low cost da Roma
  • Sconti e convenzioni
  • Mercatini vintage
  • home exchange e couch surfing
  • Film nelle sale
  • Piste ciclabili
  • Muri liberi e personali