• Partecipa anche tu segnalandoci un evento a basso costo
  • feed rss di romacheap.it
  • Unisciti a Romacheap su FaceBook

Dai il tuo parere!
Trovi che questa segnalazione sia interessante o utile? Che sia in linea con lo spirito di RomaCheap? Oppure pensi che sia un abuso o troppo poco "cheap"?
Cliccando sulle due icone qui in basso puoi dare il tuo giudizio su questa segnalazione e così aiutare anche gli altri utenti ad orientarsi sulle diverse offerte.

Non mi piaceMi piace

Il giudizio degli utenti!
Questa segnalazione piace a 0 persone e non piace a 0 persone

Massimo Falegnami "Metamorfosi dell'amore"

dal 29 Settembre 2023 al 05 Ottobre 2023 - Segnalato da Medina Art Gallery
|

info:
Titolo Mostra: “Metamorfosi dell’amore”

Opening Mostra: venerdì 29 settembre alle ore 18:00.
Durata Mostra: dal 29 settembre al 5 ottobre 2023.

Luogo: Medina Art Gallery | Via Merulana 220 | 00184 – Roma

Contatti Medina Roma Art Gallery:

Email: info@medinaroma.com - Tel. +39 06 960 30 764

Website: https://www.medinaroma.com/

Social: facebook.com/medinaroma.arte / instagram.com/medinaroma.arte
Orario apertura: Dal lunedì al venerdì 10:00-13:00 e 15:00-19:00

Dal 29 settembre al 5 ottobre 2023 Medina Art Gallery presenta “Metamorfosi dell’amore”, mostra personale di Massimo Falegnami a cura di Eleonora Pallotta nella galleria di Via Merulana 220 a Roma.

L’evento di opening si terrà il giorno 29 settembre 2023 alle ore 18:00 a Via Merulana 220 con la presentazione della curatrice.

Massimo Falegnami, artista, scrittore e operatore olistico, mette in luce sia attraverso la propria professione che attraverso la produzione artistica, il legame tra corpo e mente. Il riscoprirsi in un sentire intimo e consapevole. La partecipazione a diverse mostre sia collettive che personali, ha permesso il raggiungimento di una maturità artistica.

Le sue opere si dividono in due cicli. Le prime sette opere hanno come protagonista l’amore karmico, che si esprime in una forma materica originale. Lo stucco denso e liquefatto con tessuto con carta e frammenti di specchi, dona una luminosità e senso di appartenenza proprio dell’incontro con l’altro. Nel secondo ciclo, sette opere che rivelano la fine dell’amore e la sofferenza che ne segue. La materia è viva, vegetali in deterioramento che portano ad una muffa che riflette il lasciarsi andare, il morire per lo struggimento della perdita. Il dolore è necessario per sentire e ricongiungersi ad una versione autentica e consapevole.

La materia è in primo piano, l’utilizzo di materiali che rompono le regole della cultura artistica porta l’eco degli Achromes di Piero Manzoni, tele raggrinzite e immerse nel gesso o caolino liquido e poi lasciate asciugare; o nelle tele di iuta di Alberto Burri e in generale a quella corrente artistica che si definisce informale, dove è il movimento dell’artista che trasmetta l’emozione.

L’arte di Massimo Falegnami è ispirata ai suoi versi, dolci, malinconici e speranzosi. Il racconto di un amore finito e la speranza di ritrovarsi non solo nell’incontro con l’altro, ma con sé stessi.

RomaCheap su Facebook - Unisciti a noi
  • Voli low cost da Roma
  • Sconti e convenzioni
  • Mercatini vintage
  • home exchange e couch surfing
  • Film nelle sale
  • Piste ciclabili
  • Muri liberi e personali