• Partecipa anche tu segnalandoci un evento a basso costo
  • feed rss di romacheap.it
  • Unisciti a Romacheap su FaceBook

Dai il tuo parere!
Trovi che questa segnalazione sia interessante o utile? Che sia in linea con lo spirito di RomaCheap? Oppure pensi che sia un abuso o troppo poco "cheap"?
Cliccando sulle due icone qui in basso puoi dare il tuo giudizio su questa segnalazione e così aiutare anche gli altri utenti ad orientarsi sulle diverse offerte.

Non mi piaceMi piace

Il giudizio degli utenti!
Questa segnalazione piace a 0 persone e non piace a 0 persone

Simona Gasperini. Bianco. Emily Dickinson: viva due volte

dal 09 Ottobre 2021 al 17 Ottobre 2021 - Segnalato da ArtSharingRoma
|

info:
ArtSharing Roma, Via Giulio Tarra 64, Roma
Opening 9 Ottobre 2021 ore 17.00-20.00
Dal 9 al 17 ottobre 2021: ore 16.30-20.00 (chiuso lunedì)
WORKSHOP (max 9 posti disponibili): 17 ottobre 2021 ore 10.00-13.00 su prenotazione obbligatoria via email artsharing.roma@gmail.com oppure WhatsApp 338-9409180
Per l'accesso allo spazio è necessario il green pass.

Simona Gasperini. Bianco. Emily Dickinson: viva due volte È dedicata a Emily Dickinson l’ultima serie di opere di Simona Gasperini: il bianco è il colore guida per gli ultimi suoi collages, delicatissimi, che raccontano di purezza e leggerezza.
Bianco, perché questo è il colore che la poetessa statunitense - 1830-1886 nata, cresciuta e morta ad Amherst, nel Massachusetts – ha scelto per gli ultimi vent’anni della sua vita, quando ha deciso di non uscire più dalla sua stanza.
Un bianco che non è vuoto, ma luce, pienezza.
Un isolamento che è comunione profonda e non negazione del mondo, che è accettazione della morte contro l’horror vacui della vita.
Una risposta, quella di Emily Dickinson, alla società puritana del suo tempo, che immaginava una religione fatta di buio e penitenza, mentre lei vedeva la bellezza di Dio attraverso ogni manifestazione della Natura.
Molta della sua poesia mostra un chiaro legame con la composizione metrica degli inni sacri, che Simona Gasperini ha tradotto visivamente in un ritmo geometrico molto ben costruito, ma impalpabile, che si scopre solo ponendo alle immagini quella stessa silenziosa attenzione che si deve porre per leggere la poesia della Dickinson.
La mostra ha per sottotitolo “Viva due volte”: è una simmetria di vicende personali delle due artiste che viene raccontata attraverso una sovrapposizione di trame e di carte sulla tela e che, come nei cassetti segreti della Dickinson, si svelano poco alla volta legando storie lontane fra loro quasi due secoli.
Il tema del bianco è una conquista che Simona Gasperini sta esplorando da qualche tempo nei suoi collages con inserti pittorici e di scrittura, minimi rilievi che si sono fatti sempre più sottili, dalla consistenza fisica comunque ben definita. Piccoli e grandi mondi onirici, dalle chiare suggestioni surrealiste, che affondano fin nell’inconscio e ne riportano alla luce le associazioni di idee più poetiche. In un mondo in cui tutto è urlato, i collages di questa artista sembrano sussurrati, si diffondono musicali nell’etere, riuscendo a raggiungere quelle frequenze lasciate libere nelle quali ancora è possibile una comunicazione diversa.
Veder lavorare Simona Gasperini è un incanto: carta, garza, fili, hanno una straordinaria tattilità, ma la stessa leggerezza che lei porta nella vita attraversandola con sorridente determinazione.
Per questo la mostra si concluderà con un workshop aperto a chi, come lei, si voglia cimentare in questa bellissima arte dalle radici antiche, declinata in straordinaria modernità. Seguirà alla mostra “La stanza di Emily” un workshop di collage di dieci settimane (circa 30 ore) sotto la guida dell’artista.
Bio Simona Gasperini
Roma, classe ‘66.
Artista poliedrica e impegnata, si diploma presso il Liceo Artistico “Giorgio de Chirico” di Roma, espone e lavora in tutta Italia a partire dal 2009, affiancando al lavoro artistico quello di illustratrice e di operatrice artistica per organizzazioni come la Cooperativa Capodarco, il CEIS e così via.
Vive l’arte non solo come protagonista, ma come esistenza stessa del messaggio sociale e rigenerativo umano.
L’essenza più profonda di Simona Gasperini sicuramente si identifica con la natura, la naturalità, la naturalezza dell'essere in piena sintonia con l'armonia del femmineo.
Uno sguardo da viaggiatrice che parte ma va anche a ritroso, ama la memoria fa affidamento alla sua.
Una scena che indaga (nella regressione) gli anni dell 'infanzia e attua meccanismi evocativi di flussi che avvolgono, proteggono, rafforzano, amano.
L’artista è geografo paziente. La mappa del nuovo territorio riconoscibile come sognante, onirico, si basa su immagini a volte appannate altre nitide nei particolari, tra le quali non ci si smarrisce.
Immagini-chiave, nel territorio dell'individuo.

RomaCheap su Facebook - Unisciti a noi
  • Voli low cost da Roma
  • Sconti e convenzioni
  • Mercatini vintage
  • home exchange e couch surfing
  • Film nelle sale
  • Piste ciclabili
  • Muri liberi e personali