• Partecipa anche tu segnalandoci un evento a basso costo
  • feed rss di romacheap.it
  • Unisciti a Romacheap su FaceBook

Dai il tuo parere!
Trovi che questa segnalazione sia interessante o utile? Che sia in linea con lo spirito di RomaCheap? Oppure pensi che sia un abuso o troppo poco "cheap"?
Cliccando sulle due icone qui in basso puoi dare il tuo giudizio su questa segnalazione e così aiutare anche gli altri utenti ad orientarsi sulle diverse offerte.

Non mi piaceMi piace

Il giudizio degli utenti!
Questa segnalazione piace a 0 persone e non piace a 0 persone

SUBVERSIONES

dal 25 Settembre 2021 al 28 Ottobre 2021 - Segnalato da AlbumArte
|

info:
Mostra personale: SUBVERSIONES
Artista e Curatrice: Estibaliz Sádaba Murguía
Sede: AlbumArte, Via Flaminia 122, Roma
Apertura al pubblico: 25 settembre - 28 ottobre 2021 | ingresso gratuito contingentato*
Orari: dal martedì al sabato, ore 15.00 - 19.00
Progetto realizzato grazie al contributo di Acción Cultural Española (AC/E). Con il sostegno di Etxepare Euskal Institutua. In collaborazione con la Real Academia de España en Roma
* Nel rispetto delle regole obbligatorie legate all’emergenza sanitaria, durante la giornata inaugurale e per tutta la durata della mostra.
Il progetto parteciperà a Rome Art Week 2021

SUBVERSIONES Il progetto della mostra, vincitore del Programme for the Internationalisation of Spanish Culture (PICE) (ed. 2021), indaga sul ruolo della donna, la sua emarginazione dalla sfera pubblica e dai luoghi della spartizione del potere, con il suo conseguente confinamento all’interno dell’area domestica, dinamiche che l’artista femminista basca (anche curatrice dei suoi progetti) racconta nei suoi lavori da molti anni. Nella mostra personale ad AlbumArte, Estibaliz Sádaba Murguía, presenta un suo nuovo progetto, in cui sono inclusi una serie di lavori inediti, realizzati con tecniche diverse, come la fotografia, il collage e il video, con i quali punta lo sguardo su questo rapporto tra donna e potere e donna e sfera domestica, da una prospettiva sperimentale. La sua pratica artistica ha sempre integrato la teoria e l'attivismo femminista, con il desiderio di creare reti e stabilire genealogie per mezzo di azioni, in cui il corpo diventa strumento, luogo di sperimentazione, e che vengono poi successivamente rielaborate e ricostruite attraverso vari processi, come il montaggio nei film, la post-produzione nell’opera fotografica o il riassemblaggio imprevisto di immagini stereotipate.

Per il video inedito che dà il titolo alla mostra, in italiano Sovversioni domestiche, iniziato come ricerca durante la sua residenza presso la Real Academia de España en Roma e realizzato in occasione della mostra, l’artista parte da una riflessione sul modo in cui la donna è stata relegata allo “spazio domestico”: quello spazio di rifugio familiare in cui gli uomini riposavano dopo la loro “esposizione” allo spazio pubblico, e nel quale le donne nel frattempo avevano gestito la cura dei figli e dei i beni familiari e che diventa luogo di reclusione psicologica e sociale. Per realizzare il video, di taglio neo documentaristico, l’artista ha lavorato con i testi di due importanti pensatrici e militanti femministe italiane degli anni ’70, Silvia Federici e Mariarosa Dalla Costa, che intervengono nell’opera filmica, teorizzando sul metodo per reinterpretare lo spazio domestico, cercando così uno spazio ugualitario che permetta alle donne di generare un nuovo modo di interazione e socializzazione.
La mostra cerca di sollecitare una risposta possibile a come sovvertire questo spazio di reclusione e portare quella lotta fuori dalla cucina, per le strade, reclamando un luogo nello spazio pubblico più che dovuto. In questo momento, dopo gli effetti devastanti della pandemia, siamo sempre più consapevoli che non si possa ripartire senza le donne!

RomaCheap su Facebook - Unisciti a noi
  • Voli low cost da Roma
  • Sconti e convenzioni
  • Mercatini vintage
  • home exchange e couch surfing
  • Film nelle sale
  • Piste ciclabili
  • Muri liberi e personali